Torna la mini-naja

A gennaio si pensava fossero finiti i fondi (vedi orizzontescuola.it), invece sembra ripartire questo nefasto progetto (vedi esseciblog.it). Nefasto 'soprattutto per il servizio civile che nello stesso periodo in cui venivano racimolati i fondi (+20 milioni di euro) vedeva i propri assottigliarsi sempre più' (-100 milioni di euro).

Voci contrarie, anche tra militari, hanno chiesto e continuano a chiedere di non spendere inutilmente tali soldi pubblici (vedi esseciblog.it). Allo stesso link appena citato si può leggere con calma il dossier e approfondire questo argomento.

Nel bando 'Vivi le forze armate' troviamo anche 'essere protagonisti di attività atletico-militari'. Che tipo di attività? Paintball? Simulazioni di guerra? Impariamo a usare le armi? Spero tanto che nessun giovane si iscriva e che la situazione di crisi porti il governo a cambiare atteggiamento. Non è così che si spendono i soldi per la formazione di cittadini. Piuttosto tutti i fondi vadano alla scuola, al servizio civile, alla protezione civile, che possano attivare loro progetti 'per il soccorso alle popolazioni in caso di pubbliche calamità e per la protezione dei beni culturali, paesaggistici e ambientali', non chi falsamente dice di non avere mai venduto un coltellino a Gheddafi.

Ma senza le armi, grazie.